Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Run for Liver al Campus Bio-Medico di Roma: un successo

Roma, 17 giugno 2022

Successo per la quarta edizione della “Run for Liver” organizzata dall'Unità Operativa Complessa di Medicina clinica ed Epatologia della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

Venerdì 17 giugno 2022, nella sala conferenze PRABB, sono intervenuti per i saluti istituzionali:

l’Amministratore Delegato e Direttore Generale della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Ing. Paolo Sormani;

il Direttore Sanitario del Campus Bio-Medico, Dr. Lorenzo Sommella;

il Presidente di Roma Natura, Dr. Maurizio Gubbiotti;

il Direttore della U.O.C. Medicina clinica ed Epatologia, Prof. Antonio Picardi

A seguire, si è svolta la tavola rotonda “La Sindrome Metabolica e il fegato grasso fra farmaci dieta, motivazione e movimento: come migliorarsi”, alla quale hanno partecipato gli Specialisti:

Dario Tuccinardi – Diabetologo

Yeganeh Manon Khazrai – Nutrizionista

Sara Emerenziani – Gastroenterologa

Paolo Gallo – Cardiologo

Paolo Gallo – Internista Epatologo

Erika Lemme – Medico dello Sport

Umberto Vespasiani Gentilucci - Internista Epatologo

Antonio Picardi - Internista Epatologo

Vero ispiratore dell’iniziativa e moderatore delle varie sessioni, è stato il Dr. Giovanni Galati, Internista Epatologo noto per la sua attività dedita alla diagnostica ecografica.

Al termine della Tavola Rotonda, nella splendida cornice della Riserva Naturale di Decima Malafede, si è svolta una passeggiata veloce sotto la guida dell’archeo-runner Dott.ssa Isabella Calidonna (tecnico FIDAL).

La buona salute per il fegato e tutto l’apparato cardio circolatorio, un’alimentazione attenta possibilmente seguita e comunque “non fai da te”, una corretta attività fisica, sono tra i pilastri per uno stile di vita che aiuti a prevenire, contrastare, migliorare, malattie come il diabete, l’ipertensione, la sindrome metabolica, le malattie cardiovascolari; questo è quanto emerso dai vari lavori odierni oltre che dai colloqui informali svoltisi tra i Medici presenti e tutte le persone che hanno partecipato a questa bellissima giornata di salute e sport.

Dal libretto informativo distribuito nel corso dell’evento, giova evidenziare alcuni passaggi che sono stati oggetto proprio della tavola rotonda:


Il fegato, un organo vitale

Il fegato, insieme a cuore, reni e cervello, costituisce uno degli organi vitali e nobili del nostro corpo.

Provvede a numerose funzioni di sintesi e di “filtro”, ed è fondamentale nell’assorbimento di sostanze nutritive.

Per garantirne un corretto funzionamento, è opportuno un regolare stile di vita che comprenda attività fisica e dieta equilibrata, limitando gli eccessi.

Le malattie epatiche correlate al sovrappeso

I termini “sovrappeso” e “obesità” sono definiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come condizioni di “anormale o eccessivo accumulo di grasso corporeo che presenti un rischio per la salute”.

Molte sono le patologie croniche correlate al sovrappeso, e ancor di più all’obesità.

Fra gli organi colpiti, il fegato manifesta una condizione nota come steatosi (fegato grasso).

È un dato scientificamente noto che la correzione del sovrappeso. e in alcuni casi la riduzione del grasso viscerale (la c.d. “pancia”), si associano a regressione del danno epatico correlato alla steatosi e, in altre patologie epatiche, legate a una migliore aspettativa di vita.

Il rischio cardiovascolare e di diabete, e la vita sedentaria

Una vita sedentaria e caratterizzata da eccessi alimentari, predispone all’insorgenza di patologie croniche come il diabete e le malattie cardiovascolari (ipertensione, infarto, ictus).

Il sovrappeso causa un malfunzionamento dell’insulina, l’ormone che in condizioni fisiologiche regola l’equilibrio glicemico corporeo, instaurando una sindrome clinica nota come “insulino-resistenza”.

La diagnosi di sindrome da “insulino-resistenza” (o sindrome metabolica), si caratterizza per l’alterazione dei grassi nel sangue (in particolare alti livelli di trigliceridi o bassi livelli di colesterolo buono “HDL”), ipertensione arteriosa, aumenti della circonferenza dell’addome e alterazione dei livelli di zuccheri nel sangue sino al diabete conclamato.

Promuovere un modello di vita dinamica e che preveda regolare attività fisica, migliora la qualità di vita, riducendo il rischio di mortalità associata alle malattie cardiovascolari.

L’evento è stato patrocinato da:

Comune di Roma

Associazione Italiana per lo Studio Fegato (AISF)

Associazione Epac Onlus

F.I.R.E. Onlus - Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia





La Redazione di Epac


Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione