Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Lotta all'epatite: circa 10 milioni di casi e 1,4 milioni di morti l'anno. La giornata mondiale il 28 luglio. #ShowYourFace

“Eliminare l’epatite” è uno degli obiettivi che l’Oms ha fissato nella sua agenda per il 2030. E la strategia è di ridurre l'incidenza dell’infezione dai 6-10 milioni di casi attuali a 0,9 milioni dal 2030, e passare dagli attuali 1,4 milioni di decessi l’anno a meno di 0,5 milioni nel 2030. il tema di "ELIMINATE HEPATITIS" sarà portato avanti attraverso la campagna #ShowYourFace, una campagna fotografica personalizzata, un grande selfie di gruppo, incentrata sui singoli volti umani per evidenziare che l'epatite è rilevante per tutti, e che aiutare ad eliminarla è qualcosa che si può fare.

Contro l’epatite mettiamoci la faccia (#ShowYourFace). E’ questo lo slogan e il filo conduttore della Giornata mondiale dell'epatite (WHD) – il 28 luglio – , momento in cui si riunisce il mondo sotto un unico tema per sensibilizzare in termini di salute, cronicità e vite umane dell'epatite virale e soprattutto, per influenzare il cambiamento in grado di sconfiggere o almeno ridurre la malattia.


WHD – è questa la sigla della giornata – è stata approvata ufficialmente dall'Organizzazione mondiale della sanità e unisce le organizzazioni di pazienti, i governi, i professionisti del settore sanitario, la società civile, l'industria e il grande pubblico contro l'epatite virale.


L'eliminazione dell'epatite virale è stata posta definitivamente tra gli obiettivi Oms alla 69a Assemblea mondiale a Ginevra, dove 194 governi hanno adottato la strategia globale sull'epatite virale, che prevede l'obiettivo di eliminare i ceppi B e C nei prossimi 13 anni. La comunità ha risposto lanciando “NOhep” , il primo movimento globale per eliminare l'epatite virale entro il 2030. Il vertice mondiale sull’epatite si svolgerà invece dal 1° al 3 novembre a San Paolo Del Brasile.


“ELIMINATE HEPATITIS”, il nome dato alla giornata mondiale è una vera e propria chiamata all'azione per tutti che indipendentemente dalle proprie priorità, può essere facilmente adattata a livello locale.


Per ottenere l'eliminazione – è l’indicazione – serve maggiore consapevolezza, maggiore capacità di diagnosi e interventi chiave tra cui la vaccinazione universale, la sicurezza del sangue, la riduzione del danno e la capacità di trattamento. Ogni attività che affronta l'epatite virale, sottolinea la campagna, è un passo verso l'eliminazione.


Secondo gli slogan della giornata mondiale, l'eliminazione dell'epatite virale non è solo un obiettivo di sanità pubblica: è un obiettivo individuale per milioni di uomini, donne e bambini in tutto il mondo. Ogni singola persona potrebbe essere colpita da epatite virale e tutti hanno un ruolo importante raggiungerne l'eliminazione.


#ShowYourFace contro l’epatite


Per incoraggiare le persone a sentirsi coinvolte personalmente e per fargli comprendere il loro ruolo nell'eliminazione dell’epatite, il tema di ELIMINATE HEPATITIS sarà portato avanti attraverso la campagna #ShowYourFace , una campagna fotografica personalizzata, un grande selfie di gruppo, incentrata sui singoli volti umani per evidenziare che l'epatite è rilevante per tutti, ovunque nel mondo e che aiutare ad eliminarla è qualcosa che si può fare.


I volti umani sono accompagnati da dichiarazioni di I AM …, messaggi personali che mirano a far sentire le persone con le giuste potenzialità e a far comprendere loro il ruolo che hanno nell'eliminazione.


Le dichiarazioni di I AM evidenziano le singole azioni intraprese per raggiungere l'obiettivo del 2030, sottolineano le emozioni provate da chi è stato colpito dall'epatite e che vuole incoraggiare gli altri a prendere posizione.


Le dichiarazioni di I AM possono ad esempio concentrarsi su:

  • quello che il singolo fa per eliminare questo killer mortale “io sto aiutando gli altri”;
  • quello che è stato fatto personalmente per aiutare a raggiungere l'obiettivo;
  • incoraggiando gli altri a prendere posizione nella lotta contro l'epatite.

L’accesso a #ShowYourFace è possibile a questo link.


Inoltre sulla base della campagna #ShowYourFace, è stato sviluppato un set di cinque manifesti. I poster sono disponibili nelle sette lingue principali e sono personalizzabili tramite il sito WHD. Ciò consente di creare i propri poster personalizzati in qualsiasi lingua e di inserire le proprie dichiarazioni specifiche di I AM… , anche aggiungendo il logo dell'organizzazione.


Il materiale della campagna è scaricabile a questo link .


I dati sull’epatite


L'epatite virale ha causato 1,34 milioni di morti nel 2015, un numero comparabile alle morti causate dalla tubercolosi e superiori a quelle causate dall'HIV. Tuttavia, il numero di morti dovuto all'epatite virale sta aumentando, mentre al contrario la mortalità causata dalla tubercolosi e dall'HIV diminuisce.


La maggior parte delle morti per epatite virale nel 2015 sono dovute a malattie epatiche croniche (720.000 morti dovuti alla cirrosi) e cancro al fegato primario (470.000 decessi dovuti a carcinoma epatocellulare). Globalmente, nel 2015, circa 257 milioni di persone vivevano con infezione cronica HBV e 71 milioni di persone con infezione cronica di HCV.


L'epidemia causata da HBV colpisce per lo più la Regione Africana dell'Oms e la regione del Pacifico occidentale. L'epidemia da HCV colpisce tutte le regioni, con grandi differenze tra e all'interno dei paesi. La Regione Oms del Mediterraneo orientale e quella europea ha la più alta prevalenza di HCV.


L'infezione continuerà ad aumentare nel prossimo futuro se non vengono effettuati test e successivi trattamenti a disposizione degli infetti. Nella maggior parte dei Paesi ad alto reddito, la trasmissione è avvenuta in precedenza, subito dopo la seconda guerra mondiale (ad esempio Giappone, Italia e Francia).


Una vittoria precoce nella risposta globale all'epatite virale è stata raggiunta con il vaccino contro l'epatite B. Nel 2015 la copertura globale con le tre dosi di vaccino nell'infanzia ha raggiunto l'84 per cento. Questo ha ridotto sostanzialmente la trasmissione di HBV negli ultimi cinque anni all'1,3 per cento. Tuttavia, la copertura con la vaccinazione iniziale della dose alla nascita è ancora bassa: 39 per cento.


Altri interventi di prevenzione sono disponibili, ma implementati in modo insufficiente. L'uso di droghe da iniettare è il principale modo di trasmissione dell'HIV, ma è anche un veicolo per la trasmissione di HCV: globalmente, il 5% delle iniezioni è a rischio e si stima che 1.75 milioni di nuove infezioni da HCV si siano verificate nel mondo nel 2015.

L'accesso ai test per epatite a prezzi accessibili è limitato. Poche persone con virus sono stati diagnosticati in questo modo (9% delle persone infette da HBV, 22 milioni, e il 20% delle persone infette da HCV, 14 milioni).


Tra quelli diagnosticati, il trattamento ha raggiunto solo una piccola percentuale: nel 2015 l'8% di chi ha contratto infezione da HBV (1,7 milioni di persone) erano in trattamento e il 7,4% di quelli con diagnosi da infezione da HCV (1,1 milioni di persone).


Mentre il numero cumulato di persone trattate per HCV ha raggiunto 5,5 milioni nel 2015, solo circa mezzo milione di queste persone ha ricevuto i farmaci antivirali più recenti, più efficaci e meglio tollerati, quelli chiamati ad azione diretta (DAA).


Il problema tuttavia non è economico, ma di organizzazione dei servizi e di informazione. Test di prima linea per la diagnosi di virus di epatite sono disponibili anche a 0,5 dollari e il trattamento più efficace per l’epatite B - tenofovir - è disponibile a 48 dollari l'anno. L’epatite C può essere curata in 2-3 mesi con DAA altamente efficaci e in alcuni paesi è possibile accedere a DAA generici per soli 200 dollari.


Tra i 36,7 milioni di persone che vivono con l'HIV nel 2015, circa 2,7 milioni avevano infezioni croniche da HBV e 2,3 milioni erano stati infettati da HCV. Le malattie del fegato sono una delle cause principali della morbilità e della mortalità tra i bambini che vivono con HIV, coinfettati con l'epatite virale.


Le informazioni predisposte dall’Oms nella sua relazione possono guidare i paesi e partner mondiali sulla strada per l'eliminazione dell'epatite virale.


Primo, una strategia informativa basata su dati di sorveglianza e programmi per l'attuazione delle politiche di cambiamento.

Secondo, la copertura del servizio di test e dei trattamenti deve essere rapidamente aumentata.

Terzo, i servizi per l’epatite devono essere caratterizzati da un approccio sanitario pubblico.

Quarto, il finanziamento sostenibile è necessario per consentire la copertura sanitaria universale secondo gli obiettivi per la salute dell'Agenda 2030.

Quinto, le innovazioni sono necessarie: nuove diagnosi, nuovi trattamenti, la cura e i vaccini devono essere sviluppati, testati e consegnati con la massima urgenza per raggiungere gli obiettivi di eliminazione.


L’epidemia nelle regioni Oms


I livelli di epatite B variano notevolmente nelle regioni dell'Oms con la regione africana e quella del Pacifico occidentale che condividono il maggior peso.


  • Regione occidentale del Pacifico: è colpito il 6,2% della popolazione (115 milioni di persone).
  • Regione africana: il 6,1% della popolazione (60 milioni di persone).
  • Regione del Mediterraneo orientale: il 3,3% della popolazione (21 milioni di persone).
  • Regione sudorientale: il 2% della popolazione (39 milioni di persone).
  • Regione europea: 1,6% della popolazione (15 milioni di persone).
  • Regione delle Americhe: 0,7% della popolazione (7 milioni di persone).

La prevalenza di HCV è:


  • Regione orientale del Mediterraneo: 2,3% della popolazione (15 milioni di persone).
  • Regione europea: 1,5% della popolazione (14 milioni di persone).
  • Regione africana: 1% della popolazione (11 milioni di persone).
  • Regione delle Americhe: 1% della popolazione (7 milioni di persone).
  • Regione occidentale: 1% della popolazione (14 milioni di persone).
  • Regione sudorientale: lo 0,5% della popolazione (10 milioni di persone)

L'accesso al trattamento


Attualmente non vi è alcun vaccino contro l'HCV, e l'accesso al trattamento per HBV e HCV è ancora basso. La strategia globale del settore sanitario dell'Oms sull'epatite virale mira a testare il 90% e trattare l'80% delle persone con HBV e HCV entro il 2030.


La relazione Oms rileva che solo il 9% di tutte le infezioni da HBV e il 20% di tutte le infezioni da HCV sono state diagnosticate nel 2015.

Una frazione ancora minore, l'8% di coloro che sono stati diagnosticati con infezione da HBV (1,7 milioni di persone), erano in trattamento e solo il 7% erano quelli diagnosticati con infezione da HCV (1,1 milioni di persone) che avevano iniziato la terapia durante l'anno.


L'infezione da HBV richiede un trattamento permanente, che Oms attualmente raccomanda, con tenofovir, già ampiamente utilizzato nel trattamento dell'HIV. L'epatite C può essere curata in un tempo relativamente breve utilizzando gli antivirali ad azione diretta ad alta efficacia (DAA).


"Siamo ancora in una fase iniziale della risposta epatoplastica virale, ma la via da seguire sembra promettente - ha dichiarato Gottfried Hirnschall, direttore del Dipartimento HIV dell'Oms e del programma globale dell'epatite -. Più paesi stanno offrendo servizi contro l’epatite a persone in difficoltà, ma i dati evidenziano chiaramente l'urgenza con cui dobbiamo affrontare le lacune rimanenti per quanto riguarda test e trattamenti.


Fonte: quotidianosanita.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!