Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Modalità di assunzione

La dose raccomandata di rifaximina è una compressa da 550 mg due volte al giorno da assumere con un bicchiere d’acqua.

Il beneficio clinico di questo trattamento è stato stabilito nell’ambito di uno studio clinico randomizzato che è durato 6 mesi.

Il proseguimento del trattamento oltre i 6 mesi richiede una valutazione del rapporto benefici-rischi nel singolo paziente.Il farmaco deve essere assunto per via orale con un bicchiere d’acqua con o senza cibo.

Nei pazienti di età inferiore a 18 anni la sicurezza e l’efficacia di della rifaximina non sono state stabilite, mentre nei pazienti anziani non sono necessari aggiustamenti della dose in quanto non sono state evidenziate differenze rispetto ai pazienti più giovani. Peraltro, non sono necessari aggiustamenti della dose nemmeno nei pazienti con compromissione epatica sebbene i dati clinici disponibili nei pazienti con compromissione epatica hanno evidenziato un’esposizione sistemica superiore a quella osservata in soggetti sani.

Nei pazienti con cirrosi di grado lieve (Child-Pugh A), moderata (Child-Pugh B) e grave (Child-Pugh C) l’esposizione sistemica alla rifaximina è risultata rispettivamente di circa 10, 13 e 20 volte quella osservata in volontari sani. Per tale ragione il farmaco deve essere usato con cautela nei pazienti con grave compromissione epatica (Child-Pugh C) e nei pazienti con punteggio MELD (Model for End-Stage Liver Disease) >25.

La maggiore esposizione sistemica alla rifaximina nei soggetti con compromissione epatica deve essere interpretata alla luce dell’azione locale della rifaximina nel tratto gastrointestinale e della sua bassa biodisponibilità sistemica oltre che sulla base dei dati di sicurezza disponibili in soggetti con cirrosi. Proprio perché la rifaximina agisce esclusivamente a livello locale non è raccomandato un aggiustamento della dose. Si consiglia cautela nel caso sia richiesto l’uso contemporaneo di rifaximina e di un inibitore della glicoproteina P.

Sebbene non siano previste modificazioni della dose di rifaximina nei pazienti con compromissione della funzione renale in questi pazienti è necessario che tale farmaco venga utilizzato con cautela.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!