Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Indicazioni e controindicazioni

Indicazioni

La rifaximina è un antibiotico che distrugge i batteri che possono causare una malattia chiamata encefalopatia epatica. Esso viene utilizzato in soggetti adulti con malattia epatica per ridurre le recidive di encefalopatia epatica conclamata. Il farmaco può essere utilizzato da solo o più comunemente in associazione a medicinali contenenti lattulosio (un lassativo).

Controindicazioni

    • Ipersensibilità alla rifaximina, ai derivati della rifampicina o a uno degli eccipienti: sodio amido glicolato tipo A, glicerolo di stearato, silice colloidale anidra, talco, cellulosa microcristallina, ipromellosa, titanio diossido (E171), edetato disodico, glicole propilenico, ferro ossido rosso (E172).
    • Casi di occlusione intestinale

Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego

Casi di diarrea da Clostridium difficile (CDAD) sono stati segnalati in associazione all’uso di quasi tutti gli agenti antibatterici, inclusa la rifaximina. Non si può escludere una possibile associazione tra il trattamento con la rifaximina, la CDAD e la colite pseudomembranosa (PMC). A causa della mancanza di dati e della possibile grave alterazione della flora intestinale con conseguenze sconosciute, la somministrazione concomitante della rifaximina con altre rifamicine non è raccomandata. I pazienti devono essere informati che, malgrado il trascurabile assorbimento del farmaco (inferiore all’1%), la rifaximina, come tutti i derivati della rifamicina, può provocare una colorazione rossastra delle urine.

Durante l’assunzione le sue urine potrebbero assumere una colorazione rossastra. È un evento abbastanza normale.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!