cnl_15
15/11/2011
Dai un voto alla risposta cliccando sulle stelline: 5/10 (3004 voti)

Oggetto:

controllo ecografico in cirrosi

Eventuali sintomi: nessuno
Domanda:
il mio compagno ha effettuato una eco di routine che ha evidenziato anomalie rispetto alla precedente fatta lo scorso anno: fegato di volume aumentato con ipertrofia del sinistro, a margini finemente irregolari e ecostruttura granulosa. colecisti con pareti regolari,ecopriva, vie biliari intraepatiche non dilatate.via biliare principale lievemente ectasica sino a 8 mm apparentemente ecopriva.pancreas di volume ed ecostruttura regolare.asse spleno portale ectasico:vena porta 13 mm,vena splenica; 10mm, vena mesenterica superiore: 10mm. lo studio doppler del tronco portale ha mostrato la presenza di un flusso epatopeto a velocita' regolare.milza di volume aumentato(diametro bipolare 16.5cm) ed ecostruttura omogenea.reni in sede,di volume ed ecostruttura regolare.aorta addominale di calibro regolare. si segnala all' ilo epatico la presenza di linfoadeno megalie di aspetto reattivo del diametro max di 16mm. si segnala al livello del terzo superiore della milza la presenza di una formazione ovalare, di circa 21mm di diametro ad ecostruttura debolmente ipoecogena,non segnalata nei controlli precedenti (milza accessoria? linfoadenomegalia?) non versamento addominale evidenziabile . siccome sono termini medici vorrei capire cosa significa , visto che il mio compagno deve intraprendere per la terza volta una cura con l'interferone e l'epatologo ha detto che per ora bisogna prima pensare alla cura e poi al resto, senza dare altre spiegazioni in proposito.. si tratta di qualcosa di grave? grazie in anticipo per la risposta cordiali saluti
Risposta:
il quadro ecografico è compatibile con una epatopatia cronica da virus c in iniziale evoluzione cirrotica. la presenza di ingrossamento del lobo sinistro è infatti espressione di un tentativo di compenso del fegato (si ingrandisce per compensare la parte di fegato dannegiata dalla infiammazione). i linfonodi sono benigni e reattivi alla presenza del virus nel fagato (come per esempio si ingrossano i linfonodi del collo in corso di mal di gola). l'aumento della vena porta e della milza è conseguenza dell'idurimento iniziale del fegato (il sangue . tuttavia nulla di grave. se vi è indicazione al trattamento la funzione del fegato è evidentemente ancora conservata. affidatevi al medico che vi ha in cura e domandate ogni volta che avete dubbi.
Dott.ssa G. Magini

Medico Specialista in Medicina Interna Ospedali Riuniti Bergamo